venerdì 3 aprile 2015
La scarcella è uno dei dolci originari della cucina pugliese, ma conosciuto in tutto il sud.
È un grosso biscotto realizzato nelle forme più svariate: cestino, coniglio, campana, fiore, cuore…
Secondo la tradizione, il dolce simboleggia la liberazione dal peccato originale: per mangiare la scarcella, le uova vanno appunto “scarcerate” dall’intreccio di pasta. Questo spiegherebbe il suo nome. Attualmente il dolce viene farcito con una glassa bianca su cui vengono adagiati dei piccoli ovetti di cioccolato, molto più pratici ed igienici (e non uova di gallina) a scopo decorativo, con l’aggiunta di zuccherini colorati. La scarcella è anche un dolce che simboleggia la rinascita, da cui l’usanza di decorarla con ovetti.

All’epoca dei nostri genitori, nei giorni che precedevano la Pasqua, il fornaio del quartiere gridava verso l’alba, per le vie: “facite pupe e taraddi”, cioè “fate biscotti decorati e taralli”. Iniziava così il rituale. I dolci risultavano alla fine opere d’indiscutibile pregio non solo per il palato, ma anche per le massaie che potevano effettuare verifiche e riscontri immediati, con sfumature di gusto diverse perché prodotte da mani differenti. “R’scartecèdde”, “le scarcelle”, mettevano in evidenza la straordinaria maestria delle donne nel creare forme particolari, capaci di percorrere i tempi di ieri e di oggi.

Chi sono

Sono una donna del Nord Barese. La mia passione è scoprire e inventare nuove ricette e dettagli particolari che possano rendere unici i miei piatti. Mi diletto nel salato e anche nei dolci. Questa del blog è una nuova (e inaspettata) esperienza. Spero di riuscire a mostrarvi le mie piccole creazioni!

Contattami

La mia email: rosabosco5@gmail.com

Etichette

I miei amici

Le mie visualizzazioni

I miei lettori fissi

Powered by Blogger.